Visita a Volterra la città degli Etruschi

La città di Volterra sorge su un dorsale collinoso del pliocene, tra le valli dell’Era e del Cecina, cinta da una doppia cortina di mura medievali. Abitata fin dal periodo neolitico, la città conosce il periodo della cultura villanoviana sulla quale fiorisce nel sec. VIII la civiltà degli Etruschi.

Oggi Volterra fa vivere la sensazione di vivere nel passato, fra le strette vie del borgo medievale, fra mestieri che affondano le radici in un passato etrusco.

Volterra con il suo aspetto medievale, conserva molti reperti del periodo etrusco, come la Porta all’Arco, l’Acropoli, la cinta muraria ancora visibile in alcune zone della città.

La presenza romana è testimoniata dai resti del Teatro di Vallebona.

L’aspetto medievale è evidente nel tracciato urbano, nei palazzi, nelle case-torri e nelle chiese: il Palazzo dei Priori, il Palazzo Pretorio, la torre del Porcellino, le Torri dei Buonparenti e dei Bonaguidi, la case torri Toscano, la Cattedrale, il Battistero, la chiesa di San Francesco, la chiesa di San Michele e la chiesa di S. Alessandro.

Il periodo Rinascimentale interessa notevolmente Volterra, ma senza alterarne l’atmosfera medievale, notevoli i palazzi: Minucci-Solaini, il Palazzo Incontri Viti, il Palazzo Ruggieri, il complesso di San Girolamo e la fortezza Medicea che emerge sull’aggregato medievale.

Oltre ai monumenti e alle numerose testimonianze storico-artistiche, Volterra offre un paesaggio collinare unico interrotto ad ovest dallo spettacolo delle Balze.